A Belfast non poteva mancare il momento di turismo “socio-politico”. Tradotto: non si poteva evitare il pellegrinaggio in Falls Road al murales di Bobby Sands e alle sede dello Sinn Fein.
Può sembrare una “cosa pallosa” ?
Volevo far conoscere a Chiara una persona che è morta, conducendo una protesta non violenta, mentre si batteva per i diritti dei suoi compagni. Il messaggio che deve passare è questo: se hai degli ideali di giustizia e libertà, allora per quegli ideali puoi impegnare la tua vita, e anche sacrificarla. Perché le vite passano, ma gli ideali in cui credere, per cui vivere e lottare no.

P.S.
Ok sto volando molto alto, adesso torno a livelli umani: ho deciso che da domani smetto di fotografare chiese e invece guardo le vetrine dei sexy shop, come fa Chiara. Ci sono articoli veramente interessanti. Poi, se qualcuno mi dice qualche cosa, rispondo come Woody Allen : “è per una ricerca sociologica che sto conducendo”

print

Categorie: Dublino 2018

1 commento

Anna · 30 aprile 2018 alle 23:33

Accidenti. Eri partito così bene che ci avevo creduto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *