Ho sempre sognato di poter riciclare la frase del MCR ma qui, fortunatamente, tante nubi e nemmeno una goccia. Meglio così.

Una prima mezza giornata a Dublino e non abbiamo ancora visto molto.

Ma da queste prime ore ho imparato alcune cose:
1) un papà che viaggia da solo con la figlia genera turbamento. In primo luogo nella polizia di frontiera che, ovviamente, storce il naso. E poi anche nell’albergatore dublinese che ti vede salire in camera con minorenne dai tratti somatici diversi dai tuoi. Quello del papà è un lavoro difficile “all over the world”

2) che la Despar qui si chiama Spar (come nel resto del continente). È una cooperativa olandese, fondata negli anni ’30, il cui motto è fantastico: “Dalla cooperazione armoniosa tutti traggono vantaggio in egual modo”

3) il cappuccino di Starbucks fa cagareeeeee! Comunque anche il thè freddo non scherza: per 3.30 euro mi hanno dato 0,5 kg di ghiaccio e 2 cc di thè

4) se paghi 350 euro per 3 notti in Temple Bar un motivo c’è: devono ancora fare il sopralluogo per dare l’abitabilità all’Hotel. Inoltre ad abbassare il valore dell’immobile contribuisce il pub sotto alla nostra camera. Con il pavimento che vibra al ritmo di “Another brick in the wall”. Poi è passato a stuprare “Ziggy Stardust” (Povero David). E adesso vai con Michael Jackson: sembra di essere sul set di Ready Player One, o su una macchina del tempo impostata sugli anni ’80. Mi sento un po’ Parzival.

5) se scegli le “deliziose” lasagne Ryanair puoi riuscire a mangiarle senza sbrodolare la felpa. Però serve una performance da finale olimpica, Chiara è sul podio

Domani il calendario prevede:
1) visita alla Guinness Store House
2) giro della città col Viking Splash Tour
3) e poi facciamo una corsa in stazione a ritirare i biglietti per Belfast

Qui sotto alcune foto di oggi:

print

Categorie: Dublino 2018

3 commenti

Anna · 29 aprile 2018 alle 22:40

Me? Modena città Ramblas?

    Anna · 29 aprile 2018 alle 22:41

    Scritto senza occhiali…

    Andrea · 29 aprile 2018 alle 23:14

    MCR può significare solo 2 cose: mele cotogne rosse oppure Modena City Ramblers. E su questo blog evidentemente si parla di Combat Folk. Hasta siempre comandante Michael Collins!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *